RICAMBI UAZ 469B

 

La UAZ 469b, versione civile della UAZ 469, è un fuoristrada sovietico costruito dalla UAZ a partire dal 1972 in sostituzione della GAZ-69.

Il veicolo può trasportare 7 passeggeri, 5 disposti frontemarcia e 2 lateralmente, e 100 kg di carico oppure 2 passeggeri e 600 kg di carico, con capacità di traino di circa 750 kg nella sua configurazione originale.

I primi progetti risalenti al 1956, più volte riveduti e corretti, crearono un veicolo in grado di poter operare dalle temperature al di sotto dei -30 °C della Siberia fino ai +50 °C dei deserti.

Per ottenere un basso costo di produzione fu standardizzato quanto più possibile l'uso di componenti utilizzati per la produzione di altri veicoli, si optò per l'adozione della meccanica del furgone UAZ 452, in produzione presso gli stessi stabilimenti dal 1966, la trasmissione della GAZ 69 e la motorizzazione della berlina GAZ M-21 Volga.

 

La produzione ha inizio il 15 dicembre 1972, dopo 10 anni di severi test, con l'uscita della prima 469B prodotta in serie.

La produzione cesserà a giugno del 1985, quando la 469B lascerà il posto alla UAZ 31512, a sua volta versione civile della nuova 3151 destinata all'Armata Rossa, con importanti modifiche sia meccaniche che estetiche al modello originario tra i quali differenziali con rapporti più lunghi, freni a doppio circuito, comando idraulico della frizione...

 

La versione civile 469B differisce dalla  versione militare 469, fondamentalmente per l'adozione dei ponti tipo GAZ 69 (ponti con riduzione a cascata d'ingranaggi sui mozzi),

469B (luce minima da terra 22 cm.), 469 (luce minima da terra 30 cm.) e da un motore con impianto elettrico non schermato e anfibio, come invece presente sulla versione militare. Nonostante tutto la 469B ostenta interamente l'origine militare semplice, robusta e razionale del progetto, si pensi ad esempio alla capacità di guado senza preparazione di ben 80 cm.

Nel 1980 ricevette un importante ammodernamento: un motore più potente, gli ammortizzatori a leva fecero posto ai più moderni ammortizzatori a stelo, l'impianto elettrico fu rimodernato con l'adozione di un nuovo gruppo luce di posizione, dei fanali posteriori e delle frecce laterali, infine il pacco balestre posteriori fu snellito passando da 9 a 7 fogli.

Inizialmente la UAZ 469b adottava il motore benzina UMZ 451M a 4 cilindri in linea di 2445 cc distribuzione ad albero a camme laterale, 72CV ed una notevolissima coppia motrice già a pochissimi giri, affiancato da un cambio 4 marce con sincronizzazione solo sulle 3ª e 4ª marcia in blocco con il riduttore. Successivamente dal 1980, la 469b fu equipaggiata con il più potente motore UMZ 414 da 80CV, sostituito a sua volta dall'UMZ 417, utilizzato dalla berlina GAZ M-24 Volga

 

La 469b fu ampiamente esportata sia ad uso civile che militare in tutti i paesi ad influenza sovietica, ma anche in Italia, unico paese occidentale, dove l'esemplare di preserie n.13 fu presentato dai F.lli Martorelli e dall'Avtoexport al Salone dell'Auto di Torino dell'ottobre 1972. Lo stesso importatore milanese Martorelli a partire dalla metà degli anni '70 provvederà a rimotorizzare la 469b, montando in alternativa al motore originale russo a benzina svariati motori: i Diesel Peugeot da 2100 cm³, 2300 cm³ e 2500 cm³, in seguito il prestante 1995 cm³ bialbero FIAT a benzina e infine l'ottimo 2400 cm³ TurboDiesel VM. Pochi esemplari hanno adottato anche le motorizzazioni diesel OM 3500 nella metà degli anni '70, Sofim 2500 nella prima metà degli anni '80 e diesel Peugeot da 2100 cm³ 12V dalla seconda meta anni '90.